sabato , maggio 25 2019
Home / Pilates Yoga / A Turri l’incanto della natura in fiore: tutto pronto per ‘Tulipani in Sardegna’

A Turri l’incanto della natura in fiore: tutto pronto per ‘Tulipani in Sardegna’

Keukenhof, a circa trenta chilometri da Amsterdam, in Olanda, è il parco dei fiori più grande del mondo. Su un terreno di 32 ettari sbocciano, ogni anno, più di sette milioni di fiori da bulbo tra cui oltre ottocento varietà di tulipani. Anche la Sardegna, ha la sua piccola Keukenhof: a Turri, tra Cagliari e Oristano, nel cuore della Marmilla, lo scorso anno è nato il Giardino dei tulipani, un parco in cui sono stati piantati 150mila bulbi pronti a sbocciare in queste prime settimane di marzo.

L’appuntamento con lo spettacolo della natura in fiore, tra distese di uliveti e roseti, è atteso per sabato prossimo, 16 marzo, giorno di apertura di Tulipani in Sardegna, evento primaverile alla sua seconda edizione, organizzato dalla HobblyFlor di Michelangelo Galitzia. Il parco, quest’anno, si presenta diviso tra una zona espositiva con oltre 50mila bulbi di tulipani di diverse specie e la zona ‘U-pick’  per la raccolta, dove passeggiando tra morbide colline d’erba, si potranno cogliere e acquistare i tulipani preferiti. Un parco botanico talmente bello che sembra di camminare dentro a un quadro.

Si passeggia attraverso un percorso di oltre due chilometri, nell’incanto di ulivi plurisecolari e nel naso le fragranze di quattrocento varietà diverse di rose, ranuncoli, narcisi e anemoni. Si passeggia e, al contempo, ci si sofferma a leggere i pannelli espositivi che illustrano la storia, le caratteristiche floreali e gli aneddoti di questi fiori arrivati in Europa dalla Turchia e il cui nome ‘tullband’, in turco, significa turbante, copricapo, probabilmente per la forma che ricorda la corolla del fiore.

Paolo Pejrone, tra i più noti architetti del paesaggio, progettista di Villar Perosa, magnifica dimora torinese degli Agnelli, ne sottolinea la vena ironica, delicata: “I tulipani, ce lo insegnano i turchi, sono fiori bellissimi e dalla forte e affascinante personalità. Ma ciò che mi attrae di più è una certa vena, delicata e ricca di ironia che la pianta stessa emana. Portatrice di grande e arguta personalità. Può dimostrare, con forza e semplicità, di essere libera e fiera”.

A Turri, dopo il successo dello scorso anno, sono diverse le novità che attendono i visitatori: il vicino consorzio turistico Sa Corona Arrùbia, ha scelto di patrocinare l’evento: chi acquista un biglietto per entrare nel parco dei tulipani godrà di uno sconto per visitare la mostra temporanea La via del Samurai. Bushido nel museo di  Villanovaforru. E per rigenerare corpo e mente, si organizzano anche sessioni di yoga e pilates (domenica 31 marzo, l’appuntamento è con Martina Floris e le sue lezioni di ‘balance ball yoga’).

Il costo del biglietto è di cinque euro, comprende il kit per la raccolta dei fiori e consente di passeggiare dalle 9 fino all’orario di chiusura, previsto per le 18. Si possono fotografare liberamente le distese di fiori e ammirare in completa autonomia le aree dedicate non solo ai tulipani ma anche alle piante secolari, patrimonio dell’Unesco. All’interno, per qualche momento di ristoro davanti allo spettacolo delle colline in fiore, si trovano un bar e un punto di ristoro. Anche alcuni ristoranti della zona, partner dell’iniziativa, aderiscono al progetto. Se poi si vuole evitare la coda, si consiglia di prenotare i biglietti on line.

 

 

(Sul sito ufficiale di Tulipani in Sardegna è possibile acquistare i biglietti)

Donatella Percivale

 

 

 

Leggi Anche

L'Open Baladin di Cuneo festeggia il suo terzo compleanno con un programma eclettico e scoppiettante

L’Open Baladin di Cuneo festeggia il suo terzo compleanno con un programma eclettico e scoppiettante

Iniziano questa sera, 24 maggio, i festeggiamenti del terzo compleanno dell’Open Baladin in Piazza Foro …