domenica , luglio 21 2019
Home / Body Building / Isadora in mostra a Firenze

Isadora in mostra a Firenze

News

La Duncan al centro di una mostra che celebra la danza del primo Novecento

FIRENZE. E’ in svolgimento a Villa Bardini e Museo Stefano Bardini  e sarà aperta fino al 22 settembre la mostra A passi di danza. Isadora Duncan e le arti figurative in Italia tra Ottocento e avanguardia. Curata da Maria Flora Giubilei e Carlo Sisi con la collaborazione di Rossella Campana, Eleonora Barbara Nomellini e Patrizia Veroli la mostra si propone di ricordare la pioniera della danza nuova, che visse a lungo in Italia e in particolar modo a Firenze e in Versilia in due momenti cruciali della sua vita. Proprio in Versilia, subito dopo la morte dei figli, nel 1913, incontrò il pittore Plinio Nomellini che la immortalò in un quadro – Gioia tirrena- che oggi viene presentato nella sua forma integrale ( venne sezionato dall’autore in un secondo tempo). In esso si vede Isadora correre sulle rive del Tirreno, al vento, avvolta da un velo rosso: negli studi preparatori di Nomellini – esposti insieme alle due tele, una delle quali oggi di proprietà di Silvio Berlusconi- e nel quadro concluso si colgono i movimenti aperti, liberi e dinamici della danzatrice.

E ancora in Versilia venne ritratta dallo scultore Romano Romanelli: le testimonianze scultoree in mostra ne colgono il viso e il corpo in alcune opere di intensa espressione.

Se questo è il fulcro della mostra, molti i documenti sulla presenza italiana della danzatrice: giornali, foto, abiti ( come una tunica ideata dal fratello Raymond Duncan) libri in edizioni originali e ancora dipinti e sculture registrano i suoi momenti italiani e le sue relazioni- con Eleonora Duse, con D’Annunzio, con Giulietta Gordigiani Mendelssohn. Accanto a questi opere di artisti che stanno registrando il mutamento dei tempi, pronti a ritrarre danzatrici che sulla stregua di Isadora apparvero in Italia -da Jia Ruskaya alla Sartorio- oppure che ad essa si contrapposero, sostenute dal pensiero futurista.

Ecco così che tra i nomi presenti ci sono quelli di Auguste Rodin, Antoine Bourdelle, Eugène Carrière, Franz von Stuck, Ferdinand Hodler, Edward Gordon Craig, Leonardo Bistolfi, Edoardo Rubino, Adolfo De Carolis, Gaetano Previati, Gulio Aristide Sartorio, Galileo Chini, Felice Casorati Umberto Boccioni, Libero Andreotti, Giuseppe Cominetti,Fortunato Depero, Gino Severini, Mario Sironi, Amedeo Bocchi,  Antonietta Raphael, Pericle Fazzini, Gio Ponti, Massimo Campigli, Adolfo Wildt.

La mostra è statA promossa da da Fondazione CR Firenze e Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron col Patrocinio del Comune di Firenze. Il catalogo è pubblicato da Polistampa. Da segnalare anche i numerosi eventi collaterali che arricchiscono l’offerta: site specific, lezioni sul gesto e performance con 100 giovanissime danzatrici a cura di Virgilio Sieni e Accademia sull’Arte del Gesto.

Informazioni qui

 

 nella foto Gioia Tirrena di P.Nomellini

 

03/05/2019

DD

Stampa l’articolo
Torna indietro

Leggi Anche

Mercato Lazio, chiusa la prima fase. E oggi arriva Lotito in ritiro...

Mercato Lazio, chiusa la prima fase. E oggi arriva Lotito in ritiro…

Adekanye, Vavro, Lazzari e Jony. La prima fase del mercato della Lazio può dirsi conclusa: …