mercoledì , giugno 19 2019
Home / Pilates Yoga / Mauritius: un viaggio da sogno in un paradiso terrestre di profumi e colori

Mauritius: un viaggio da sogno in un paradiso terrestre di profumi e colori

Era il 1973 quando Club Med inaugurava il suo primo resort a Mauritius, La Pointe aux Canonniers, a nord dell’isola lungo la spiaggia bianca di Mont Choisy, a 4 km dalla famosa Grand Bay, un litorale che poco ha da invidiare a quelli caraibici. E in questi 46 anni ha costruito una storia con i locali, con il luogo dalle meravigliose spiagge, il mare turchese e cristallino su una laguna che lascia intravedere la barriera corallina.

E ora, a distanza di 46 anni, rilancia ristrutturato questo suo primo club mauriziano: architettura coloniale che ricorda le storiche case locali stupendamente integrata in un giardino di 40 ettari, vegetazione tropicale lussureggiante con fiori e palme.

42 milioni di euro per rinnovare 200 stanze e realizzarne 96 nuove, costruire una piscina familiare, una zen dedicata agli adulti, una spa con hammam e un nuovo ristorante sulla spiaggia, l’Alma Beach Lounge.

E realizzare un Mini Club Med dove la cura di piccoli è affidata nelle mani esperte di puericultrici.

Il resort punta ad accogliere le famiglie e ha pensato alle loro esigenze: i bambini, qui, sono accuditi dai 4 mesi fino agli 11 anni, ma, ogni attività, ovviamente, è divisa per fasce di età.

Giochi, camminate nella natura, laboratori di teatro e pittura. E per i ragazzi più grandi anche intrattenimento nel Junior Club (fino ai 17 anni).

Per chi crede che la vacanza sia anche un modo per ritrovare preziosi momenti familiari che durante l’anno spesso si sono persi per lavoro e impegni, parte il nuovo programma Amazing Family (programma con cui Club Med si è recentemente aggiudicato a Parigi il secondo posto del premio Best innovation in services in addition to accomodations): “play, splash, quest, recharge and care”, ovvero cinque programmi di attività dove genitori e figli possono insieme giocare e riposarsi.

Per Club Med Mauritius non è, però, solo sinonimo di La Pointe aux Canonniers.

Sull’isola c’è anche un altro resort esclusive collection La Plantation d’Albion, 5 tridenti .

Inaugurato nel 2007, al centro dell’isola appena sotto la capitale Port-Louis, anche questo club è un paradisiaco giardino di piante tropicali tra piscine a sfioro, ristoranti sulla spiaggia e spa.

E accanto, dal 2010, la “versione” super lusso: Albion Villas: 40 ville – 31 delle quali si possono affittare – ciascuna con un patio, un giardino e piscina privata con vista sull’Oceano in un giardino fiorito di 33 ettari. Nelle ville un maggiordomo dedicato prepara colazioni e pranzi e si occupa di ogni necessità.

Per chi sceglie questa opportunità è garantita anche l’entrata al golf Tamarina.

L’ambiente prima di tutto.

Entrambi I resort sono certificati Green Globe da sei anni, grazie a politiche ecosostenibili per la conservazione dell’ambiente.
A La Plantation d’Albion c’è un enorme progetto di riciclo di tutte le acque – chiare e scure.

E se a La Plantation d’Albion riciclano l’acqua, a La Pointe aux Canonniers è stata avviato il progetto Bye Bye Plastic: sono state abolite bottigliette e cannucce di plastica .
Ma c’è di più.

Club Med da 40 anni opera in tutti i resort con una fondazione – Club Med Foundation – per realizzare progetti di solidarietà legati alle popolazioni locali.
A Mauritius i progetti riguardano bambini e ambiente.

Con l’aiuto di un’associazione locale, Terre des Paix, i piccoli che vivono vicino al resort possono frequentare l’Ecole du sport, ovvero entrare nel club per fare lezioni di nuoto, danza e tiro con l’arco. A questo si aggiungono le iniziative Friends around the world, una volta al mese, e una volta all’anno La merenda planetaria.

In entrambi i casi bambini mauriziani vengono invitati a giocare, cucinare e mangiare insieme ai piccoli ospiti del resort.
E, da ultimo, si cerca di favorire internship coi ragazzi maggiorenni per prepararli al lavoro.

I resort, del resto, danno occupazione già a tanti mauriziani, i GO, come vengono chiamati al club, ovvero i “Gentile organizateurs”: 500 a La Plantation e 430 a La Pointe.

Da ultimo la fondazione a Mauritius si occupa dell’Ile aux Aigrettes, una piccolissima isola corallina al largo dalla costa sud-orientale, dove è stato ricreato un ecosistema locale protetto e reintrodotte flora e fauna in via d’estinzione.

Qui si possono vedere anche le famose tartarughe giganti, oltre a iguane, uccelli e scimmie.

Come in tutti Club Med del mondo anche a Mauritius la vacanza qui ha la formula all inclusive.

Nei resort, quindi, si possono fare sport acquatici – vela, sci d’acqua, snorkelling, diving. E tante altre attività come yoga, pilates, fitness in acqua, provare tiro con l’arco e volare sul trapezio volante.

Perché lo filosofia è #BringHome: ovvero fare una esperienza nuova, spettacolare e mai provata e riportare a casa nuove emozioni.

E se così che dovrebbe essere in ogni viaggio, aggiungiamo non dimenticate di lasciarvi trasportare dai sensi, ascoltando i suoni della natura e assaporando i profumi di alberi e spezie nascoste.

Fate snorkelling vicino alla barriera corallina a sud nella Blue Bay dove se siete fortunati vedrete i delfini saltare fuori dall’acqua; visitate il paradiso terrestre dell’Ile aux Aigrettes, una piccolissima isola al largo dalla costa sud-orientale oggi riserva e ecosistema protetto e il giardino botanico di Pamplemousses il più antico dell’emisfero australe, regno di palme reali e ninfee giganti e le cascate di Chamarel. E se pensate al vostro palato fate sosta per degustare lo zucchero (già lo zucchero estratto dalla canna da zucchero) alla fabbrica l’Aventure du sucre o il rum alla rumeria di Chamarel, la storica fabbrica dell’isola.

Ogni escursione viene facilmente organizzata all’interno del club.

.

Leggi Anche

Primo week end d'estate al Parco La Mandria

Primo week end d’estate al Parco La Mandria

(Venaria Reale, 18 Giu 19) Finalmente arriva l’estate e il Parco La Mandria si prepara …