sabato , maggio 25 2019
Home / Body Building / Sci, a casa o in palestra cosa fare per arrivare preparati sulla neve …

Sci, a casa o in palestra cosa fare per arrivare preparati sulla neve …

Chi pratica lo sci come attività ricreativa solo durante le vacanze invernali tende talvolta a sottostimare quanto sia importante arrivare preparati sulla neve. Sapere cosa fare, quali esercizi prediligere a casa o in palestra, diventa utile sia per prevenire infortuni e traumi sugli sci sia per godersi le vacanze in sicurezza. Ne parliamo con il dottor Enrico Arnaldi, responsabile di Ortopedia artroscopica e ricostruttiva del ginocchio dell’ospedale Humanitas.
Per prevenire il rischio di traumi è importante arrivare sulle piste da sci con una buona preparazione muscolare che dovrebbe iniziare già qualche settimana prima di rimettere gli sci ai piedi – spiega l’esperto -. Può aiutare svolgere attività di rinforzo muscolare e che favoriscano l’aumento dell’elasticità delle articolazioni, soprattutto degli arti inferiori, in particolare del ginocchio, senza dimenticare che spalle e zona lombare non sono immuni da traumi da sci, e per questo vanno allenate anche queste zone. Oltre alla preparazione muscolare per affrontare lo sforzo fisico dello sci, è importante includere attività di tipo aerobico che aiutino a riprendere il fiato dopo mesi di, eventuale, sedentarietà o scarsa attività. A questo scopo, la preparazione presciistica dovrebbe includere attività:
1. in palestra: corsi di ginnastica dolce
2. a casa/in palestra: cyclette, stepper e tapis roulant
3. all’aperto: andare in bicicletta, correre o passeggiare a passo veloce
Inoltre, la preparazione non riguarda solo muscolatura e articolazioni, ma anche la sicurezza in generale sulle piste da sci. Per questo motivo è importante:
1. accertarsi che l’attrezzatura sia adeguata (sci, scarponi, attacchi, bastoncini e casco)
2. riconoscere i propri limiti e non cercare di superarli avventurandosi in discese troppo difficili per la propria preparazione tecnica
3. gestire la velocità evitando di non riuscire più a controllare l’esecuzione del gesto (soprattutto nei principianti, questo può aumentare il rischio di traumi)
4. evitare “l’abbuffata di sci” ovvero sciare moltissimo dalla mattina al tramonto, in un giorno solo: la fatica riduce i riflessi e aumenta il rischio di cadute e infortuni aumenta
5. prendere delle pause durante la mattina e il pomeriggio, alternando lo sci con altre attività più riposanti
6. usare il casco anche da adulti.

Leggi Anche

Da Monza a New York, Andrea Galbiati “The Wood”: una vita da kickboxer

Da Monza a New York, Andrea Galbiati “The Wood”: una vita da kickboxer

Un paio di guantoni, grinta da vendere, capacità di sopportazione al dolore illimitata ma anche …